Shopping online: truffe nelle app di compravendita tra privati

Con l’aumento delle vendite online e con la diffusione di applicazioni di compravendita peer-to-peer, si è anche diffusa la presenza di truffatori online che approfittano di queste piattaforme per ingannare acquirenti con false vendite online o offrendo prodotti inesistenti o contraffatti. Purtroppo ciò avviene spesso a causa della mancanza di controllo sui contenuti caricati dagli utenti.
Esiste inoltre un aumento considerevole di casi in cui la vittima della truffa è la persona che mette in vendita i propri prodotti sulle diverse piattaforme di shopping. In questo caso, i criminali si fingono acquirenti interessati, quando in realtà quello che vogliono non è comprare il prodotto in vendita, ma ottenere dati personali o informazioni riservate, per poi usarle per realizzare qualsiasi tipo di operazione fraudolenta.

Conoscere i dettagli di queste truffe può aiutarti ad evitare di cadere vittima di queste frodi.

 

Truffe ai danni di acquirenti

Il ciclo di vita breve dei prodotti tecnologici, insieme ai loro costi elevati, ci porta spesso a cercarli online a prezzi più accessibili. Per evitare i rischi di sicurezza che comporta lo shopping online, prima di acquistare, assicurarti che si tratti di un e-commerce sicuro per non mettere a rischio le tue informazioni personali.

Se l'acquisto viene fatto direttamente da un privato attraverso un'applicazione di compravendita, per evitare le false vendite online, bisogna essere estremamente cauti e prestare attenzione ai seguenti segnali di pericolo.

  • Attenzione agli annunci che offrono un prezzo eccessivamente economico. Le false offerte online di solito applicano sconti molto alti sui loro prodotti (oltre il 50%) e offrono anche altri tipi di vantaggi come la spedizione gratuita e la consegna notturna, approfittando delle persone che fanno acquisti di prodotti di seconda mano, perché vanno alla ricerca di sconti e consegne rapide. Quindi, se il prezzo è molto al di sotto del valore di mercato, potresti non ricevere mai l'articolo, o potrebbe essere un falso o un'imitazione di scarsa qualità.
  • Diffida se il venditore si trova all'estero o ti prende qualche scusa per iniziare il processo. Per esempio, se un articolo è pubblicizzato su un sito web italiano però il venditore ti dice che si trova all'estero e che la consegna deve essere fatta da un’agenzia di trasporti o da un corriere, ti chiederanno di pagare l'intermediario (a garanzia dell'acquisto) prima di ricevere il prodotto.
  • Guarda la qualità delle immagini del prodotto, e non fidarti di foto generiche dell'articolo in vendita o di foto che sono state prese da Internet. Se l'annuncio non mostra foto reali, diffida.
  • Controlla il profilo del venditore. Leggi le recensioni e le valutazioni di altri utenti, controlla se ci sono commenti negativi o relativi a truffe, ti aiuterà a capire se la persona è affidabile.
  • Scegli un metodo di pagamento sicuro ed evita di effettuare pagamenti tramite bonifico bancario, carta regalo, vaglia, società di trasferimento di denaro come Western Union, Money Gram ecc. perché in caso di frode o truffa non avrai possibilità di recuperare i tuoi soldi.
  • Non fornire al venditore più informazioni di quelle necessarie per completare la transazione. 
  • Non comprare nulla che richieda di scaricare un software o di inserire le tue informazioni personali per accedere a coupon o codici sconto.

Truffe ai danni di venditori

Se hai in vendita o stai pensando di vendere un prodotto tecnologico, elettrodomestici, un veicolo, ecc. mediante una delle applicazioni specializzate nella compravendita di prodotti tra privati, fai attenzione perché potresti anche tu essere vittima di un caso di frode.

I criminali si fingono un acquirente interessato ad acquistare uno dei prodotti che hai in vendita e ti contattano tramite messaggio/chat sull'applicazione stessa per poi chiederti di continuare la conversazione (per comprare il tuo prodotto) al di fuori dell'app, per esempio via email o tramite WhatsApp.

Così facendo, cercano di ottenere i tuoi dati personali come l'indirizzo e-mail, il numero di telefono, il nome completo e l'indirizzo postale con la scusa che hanno bisogno di queste informazioni per mandare un corriere a ritirare il prodotto che hai in vendita.

Una volta ottenuti i tuoi dati personali, ti chiedono le tue coordinate bancarie e cercano anche di ingannarti inviandoti una mail in cui si spacciano per una nota azienda di logistica o di trasporto. In questa mail ti chiedono di fornire loro il codice della tua carta di credito, dicendo che è necessario per effettuare la spedizione.

Per evitare questo tipo di inganno, presta attenzione alle seguenti raccomandazioni:

  • Controlla il profilo del futuro acquirente prima di inviare qualcosa. Leggi i commenti e le valutazioni degli altri utenti, ti aiuterà a capire se la persona è affidabile.
  • Diffida se ti viene offerto più denaro di quello che tu hai stabilito. Si possono verificare casi fraudolenti in cui acquirenti stranieri ti offrono più soldi di quelli che chiedi per il prodotto in vendita. Se ti dovesse capitare, segnalalo attraverso l'applicazione che stai utilizzando per effettuare la vendita e non inviare il prodotto finché non hai la conferma che si tratta di un acquirente affidabile.
  • Non anticipare denaro per le spese di spedizione, trasporto, ecc. in nessun caso, anche se ti dicono che ti rimborseranno l’importo al momento del pagamento del prodotto.
  • Usa la chat dell’app. Prendi tutti gli accordi e mantieni le conversazioni attraverso la chat dell'applicazione di compravendita.
  • Usa un metodo di pagamento sicuro, in modo tale da poter garantire la tracciabilità della vendita.
  • Annulla la vendita se hai dubbi o sospetti.

Richiedi la tua Carta di Debito BBVA con CVV Dinamico fisica o virtuale a costo zero aprendo il Conto Online BBVA

Ti potrebbe interessare