Come risparmiare con la regola del 50/30/20

Il risparmio è quella parte di reddito che ognuno di noi mette da parte per i propri progetti futuri ma anche per emergenze finanziarie o spese inaspettate, e che ci aiuta  a raggiungere una migliore condizione di benessere.

Per risparmiare soldi ogni mese e gestire al meglio le proprie finanze, è possibile ricorrere alla regola del 50/30/20 messa a punto dalla professoressa di Harvard e senatrice statunitense Elizabeth Warren, che ne parlò per la prima volta nel libro: “All Your Worth: The Ultimate Lifetime Money Plan”.

Il nome di questa semplice regola deriva dalle percentuali della distribuzione del proprio reddito tra le varie voci di spesa che bisogna sostenere durante il mese, per mettere da parte qualche risparmio con regolarità.
La regola del 50/30/20 è adatta a tutte le tasche e aiuta a gestire al meglio le proprie entrate, a tenere traccia delle spese di casa indispensabili e non, e a pianificare il budget familiare per arrivare con tranquillità a fine mese. Vediamo in dettaglio come suddividere le proprie entrate.

 

Risparmiare non è mai stato così facile
Attiva il Conto Salvadanaio, uno spazio digitale senza costi dedicato ai tuoi risparmi. 

50 % per coprire le necessità di base

Quando si tratta di controllare le spese e il risparmio, è essenziale che non si spenda mai più del 50% del reddito mensile per le necessità di base. Nonostante sia la voce di bilancio più grande nella regola di risparmio del 50/30/20, alcune persone potrebbero non trovarla sufficiente per vivere giorno per giorno. Però questo succede specialmente quando non è chiaro cosa sia una necessità fondamentale e cosa sia un bisogno di cui possiamo fare a meno.

Il 50% di ciò che si guadagna dovrebbe essere speso per:

  • Pagamenti mutuo o affitto.
  • Le spese abituali di una casa, come le bollette della luce, dell'acqua, le tasse comunali, la raccolta dei rifiuti, ecc.
  • L’acquisto di generi alimentari.
  • Tasse scolastiche se stai studiando o hai figli in età scolare.
  • Scarpe e abbigliamento.
  • Spese di trasporto.

Tutte queste spese hanno una cosa in comune: sono essenziali per soddisfare i bisogni quotidiani di una persona.

30% per le spese di piacere

Consiste nel destinare il 30% del nostro reddito mensile a spese quotidiane o a quelle non indispensabili, di cui non abbiamo strettamente bisogno ma che aumentano notevolmente la nostra qualità di vita. Questa categoria include tutte le attività del tempo libero come:

  • Andare al cinema.
  • Cenare fuori.
  • Fare una vacanza.
  • Abbonarsi a servizi tipo Netflix, Sky, Amazon Prime, ecc.
  • La tessera della palestra.

Nella gestione di questa percentuale potresti anche accorgerti che alcune di queste attività non sono così fondamentali come pensavi e puoi decidere di farne a meno. È importante adattare il risparmio alle proprie esigenze e al proprio stile di vita.

Il 20% per il risparmio

Questa percentuale della regola 50/30/20 verrà utilizzata come fondo per i propri risparmi, per mettere da parte qualche soldo o per pagare debiti e finanziamenti in sospeso.
Se per esempio le proprie entrate mensili ammontano a 1000€, 200€ andranno a questo fondo di risparmio per i nostri obiettivi futuri.
Va comunque detto che è importante adattare la regola in base alle proprie condizioni di vita, e ricordare di non ridurre la categoria dei risparmi al di sotto del 20%.

Come applicare la regola del 50/30/20

Per mettere in pratica questa regola e gestire in maniera efficace le proprie finanze, ti consigliamo di:

  • Fare il conto delle tue entrate mensili per sapere di quale budget disponi. Per controllare al meglio le tue entrate e le tue uscite il primo passaggio da fare è quello di creare un bilancio familiare mensile, per registrare tutte le entrate e le spese. 
  • Classificare le tue spese in categorie. Dovrai definire tutte le uscite mensili e suddividerle in: “essenziali”, “di piacere”, "risparmio". Le scelte, naturalmente, variano da caso a caso, in base allo stile di vita.
  • Adattare la regola alle proprie esigenze. Dopo aver eseguito i due punti precedenti, è ora di decidere come suddividere le tue spese. Ricorda che puoi sempre fare una redistribuzione delle percentuali in base alle tue necessità: se per esempio il 50% non è sufficiente per coprire le spese vitali che hai, puoi optare per una regola del 60/20/20. L’importante è non ridurre la categoria dei risparmi al di sotto del 20%.

Se è vero che la regola del 50/30/20 è un ottimo modo per mettere soldi da parte e far quadrare i conti a fine mese, non è però certamente l’unico modo per farlo, ci sono altri metodi di risparmio efficaci che possono aiutarci a raggiungere i nostri obiettivi. Si tratta di acquisire un metodo e di applicarlo con costanza.

Controlla le tue spese e risparmia con BBVA

Per applicare la regola di risparmio del 50/30/20, può esserti di grande aiuto il salvadanaio digitale di BBVA senza costi e legato al conto corrente, per mettere soldi da parte e risparmiare in modo automatico, con regolarità e senza fatica.
Avrai inoltre la possibilità di definire delle regole automatiche che puoi attivare a tua scelta (per esempio, arrotondando i tuoi acquisti o risparmiando parte del tuo stipendio o del tuo reddito a fine mese) e in questo modo non dovrai più preoccuparti, il tutto verrà eseguito in automatico ogni mese.

Scopri gli strumenti che ti aiutano a mettere soldi da parte per raggiungere i tuoi obiettivi di risparmio.

Ti potrebbe interessare